Novelle liriche

V. Gubarenko

«La Tenerezza»,

A. Spadavecchia

«Lettere da una sconoscuita»,

M, Tariverdiev «L'Attesa»

Uno spettacolo di 2 ore (con un intervallo)

La prima ha avuto luogo il 16 dicembre 2010.

1/8

Tre brevi storie che svelano tutti i luoghi riposti dell'anima della donna in cui agli uomini è vietato entrare... Lo spettacolo è composto da tre opere liriche dei compositori russi del Novecento. Tutte e tre opere sono unite da un tema e fanno parte del trittico lirico intestato «La voce della donna».

 

Nello spettacolo lo spettatore sentirà i desideri e le emozioni più profondi di una donna, espressi dalla musica drammatica e sincera di Tariverdiev, Spadavecchia e Gubarenko. Ciò che muove le donne è l'amore, profondo, appassionnato, che non ha praticamente bisogno di un oggetto reale («Lettera da una sconosciuta»), che si sacrifica, pieno di tenerezza («La Tenerezza»), perfetto e elevato, il sogno della donna d'affari di oggi, in realtà, romantica («L'Attesa»).

Tutte e tre opere sono confessioni delle donne a Lui, al loro unico amore. I personaggi delle novelle di Zweig e Barbusse scrivono lettere in cui si scopre il loro profondo sentimento e il loro destino tragico che commuove tutti. La donna moderna del poema di Rozhdestvenskij recita il suo monologo interiore pregustando l'appuntamento a cui è arrivata in anticipo. L'attesa dell'incontro con un uomo si trasforma in qualcosa più grande, l'attesa del sentimento grande e eterno...